Introduzione alla quinta newsletter OLEUM

OLEUM - siamo vicini a tagliare il traguardo di questa stimolante avventura!

 

OLEUM è in procinto di terminare il progetto. Ora è il momento di riassumere e spiegare!

 

Grazie al prezioso lavoro di squadra e all’impegno di tutti i partner coinvolti, sono lieta di informarvi che molti obiettivi del progetto sono stati raggiunti e riassunti in questa newsletter.

 

A seguito della proposta di progetto e considerando le informazioni riassunte in una relazione sulle frodi comuni ed emergenti nel settore dell'olio d'oliva, OLEUM ha sviluppato metodi interni convalidati per garantire la qualità e l'autenticità degli oli d'oliva (OO). Quattro di essi sono sottoposti a un processo di convalida completo.

 

La Rete OLEUM ha seguito due approcci complementari: un gruppo LinkedIn per gli aspetti generali relativi alla qualità e alla genuinità dell'olio d'oliva (oltre 100 membri fino ad oggi) e una rete sicura (Basecamp) per coloro che si occupano di analisi di laboratorio dell'olio d'oliva (oltre 60 membri fino ad oggi). OLEUM si impegnerà ad aumentare il numero dei membri e il reclutamento di laboratori all’interno e all’esterno dell’Europa interessati a partecipare alle prove. È stata inoltre concordata la manutenzione e lo sviluppo futuro della rete OLEUM.

 

È stata lanciata la banca dati OLEUM, e sarà effettuata un’implementazione in termini di definizione dei DPI e di caricamento dei contenuti. Sarà inoltre definito un piano di sostenibilità per la successiva manutenzione della banca dati OLEUM dopo la fine del progetto.

 

È stata realizzata un'infografica studiata sulle esigenze del consumatore per riconoscere un olio extravergine di oliva di buona qualità oltre ad un video di presentazione del progetto.

 

Abbiamo presentato con successo i risultati del progetto in più di 40 convegni ed eventi in tutto il mondo, tra cui due workshop di formazione pratica (il primo a Siviglia e il secondo a Bologna); i futuri convegni e altri eventi ospiteranno le presentazioni dei risultati di OLEUM. Per massimizzare l'impatto di questa newsletter, il testo è disponibile in sei lingue (francese, greco, tedesco, inglese, italiano e spagnolo), grazie alla collaborazione di alcuni dei partner.

 

Il comitato consultivo multilaterale di OLEUM fornisce continuamente il proprio contributo e preziosa consulenza al progetto.

 

Che siate un laboratorio di controllo qualità istituzionale o privato, un'azienda di produzione o distribuzione di OO o un'azienda che voglia proporre i propri strumenti e strumenti analitici da testare, vi invito caldamente a seguire il sito Web del progetto (http://www.oleumproject.eu) e ad inviare eventuali richieste di informazioni o ad aderire alla Rete OLEUM inviando una e-mail a oleum@unibo.it.

 

Tullia Gallina Toschi (tullia.gallinatoschi@unibo.it), Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari (DISTAL) - Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, coordinatrice del progetto OLEUM